Progetti 2019 2020

Voltabis

Protocollo di Sicurezza per gl…

Protocollo di Sicurezza per gli Esami di Stato 2019/2020(Regolamento sulle misure per il contrasto e...

Read more

DPCM 4 marzo 2020 Sospensione …

DPCM 4 marzo 2020 Sospensione attività didattica

                  Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020 Sospensione attività didattica

Read more

Circolare Misure di prevenzion…

Circolare Misure di prevenzione Coronavirus

                  Circolare Misure di prevenzione Coronavirus

Read more

Nota Congiunta Coronavirus

Nota Congiunta Coronavirus

                  Nota Congiunta Coronavirus

Read more

Il Volta c'era! - LAM in cammino per la democrazia sociale: Economia Etica e Solidale; Sovra-indebitamento; Consumi e sobrietà.

L’evento è stato introdotto da Maurizio Di Schino, giornalista inviato da TV 2000, seguito poi dalla presentazione di Marina Galati, Nino Sgrò e Francesco Gesualdi, i tre specialisti che hanno curato i laboratori del giorno successivo incentrati su tre temi differenti ma connessi: la buona economia, il sovra-indebitamento, il consumo e la sobrietà.

Nel laboratorio di “Economia etica e solidale”, curato dalla dottoressa Galati, Presidente del Comitato Etico di Banca Etica, e dal giornalista Di Schino, è stato analizzato il concetto di buona economia, cercando di rapportarlo alle diverse realtà territoriali rappresentate dai partecipanti all’incontro. La proposta emersa è quella di unire il presente e il passato in una forma di inter-generazione per legare le vecchie tradizioni alle nuove tecnologie; la parola chiave su cui concentrarsi è la biodiversità, oggi utilizzata anche in campo economico, per riuscire a mettere in relazione le diverse capacità e l’unicità dei singoli e creare così un sistema in cui tutti si possano sentire parte essenziale anche se in modo differente.

Il laboratorio intitolato “Sovra-Indebitamento: che fare?” organizzato da Nino Sgrò, referente regionale “Prestito della speranza” e responsabile dello sportello di consulenza finanziaria dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova,ha invece permesso ai partecipanti di condividere le esperienze personali, ampliando la discussione fino ad arrivare al cuore dell’argomento, cioè se è la persona che gestisce l’oggetto o viceversa, una domanda che tra l’altro è rimasta aperta e attorno alla quale si è creata un’idea comune circa l’importanza delle relazioni sociali e delle campagne di sensibilizzazione, rivolte soprattutto ai genitori, attente al futuro non solo economico dei giovani. La proposta conclusiva è stata dunque quella di invitare alla prossima edizione del laboratorio anche le associazioni delle famiglie al fine di far sviluppare la loro consapevolezza circa i possibili rischi economici cui tutti siamo costantemente sottoposti.

Il laboratorio “Tra consumo e sobrietà” è stato guidato da Francesco Gesualdi, responsabile del Centro Nuovo Modello di Sviluppo e da Giovanni Votano, responsabile dell’Associazione Microdànisma; si è trattato il tema del consumo responsabile,molti di noi disconoscono tutto il processo di produzione e commercializzazione e rischiano di essere, in modo inconsapevole, complici di gravi misfatti come lo sfruttamento minorile o lo spreco di un bene prezioso come l’acqua. Alla luce di tale riflessione l’obiettivo che è stato proposto è proprio quello di salvaguardare l’ambiente attraverso piccoli gesti quotidiani quali il riutilizzo dei contenitori, la spesa biologica, una maggiore attenzione verso lo spreco alimentare e la filiera produttiva.

L’esperienza non si è limitata ad un corso teorico e ad un dibattito ma si è arricchita di uno spettacolo teatrale “Pop Economix”, realizzato in collaborazione con Banca Etica e introdotto da Teresa Masciopinto (Responsabile Culturale Area Sud Banca Etica); in modo divertente abbiamo compreso l’origine della crisi globale che ci ha investito, partendo dalla crisi del 1929 fino a giungere all’analisi della caduta delle Torri Gemelle e al fallimento della banca Lehman-Brothers.

Un’esperienza formativa importante per capire che tutti, proprio tutti, siamo responsabili delle scelte economiche che facciamo e che possiamo riappropriarci del nostro diritto/dovere di scegliere consapevolmente per vivere in un mondo migliore, equo e solidale.

Interessate e avvincente, concreto e dettagliato, da rifare senza ombra di dubbio!

Un primo passo in cammino verso l’economia futura!

Arminio Maria, Manuardi Carmela, Serra Angelica, Ventura Marzia. (5° F - 5°E)

fin fiv2 fitet fitarco   logo Fed ginnastica italiana
           
logo Fit Logo FIJLKAM  logo fed ita pallacanestro LOGO -FIBa-300x300    
 logo-adspem web  AIL hospice logo-centaura
 avis  AIDO web