Progetti 2019 2020

Voltabis

Avviso per il reclutamento di …

Avviso per il reclutamento di un esperto psicologo

Read more

Elezioni 2020

Pubblicazione degli eletti per la componente Alunni e Genitori dei Consigli di Classe; e gli...

Read more

Piano Organizzativo Covid

Piano Organizzativo Covid

Read more

Protocollo di Sicurezza per gl…

Protocollo di Sicurezza per gli Esami di Stato 2019/2020(Regolamento sulle misure per il contrasto e...

Read more

SALUTO DEL LICEO VOLTA AL DIRIGENTE ANGELA MARIA PALAZZOLO

Al Dirigente Scolastico
Professoressa Angela Maria Palazzolo
Al Collegio Docenti
Alla Comunità Educante del Volta

Gent.ma Dirigente,

lo stato di emergenza sanitaria determinato dalla diffusione del COVID-19 , ha imposto , fra l'altro, alla comunità del Volta di porgerLe  un saluto, sicuramente diverso da come ce lo eravamo tutti immaginato, meno festoso ma non  meno emozionato e riconoscente.

Innanzitutto perché Lei ha   saputo interpretare il  ruolo di Preside e di Dirigente in maniera equilibrata e paritetica: ha   attribuito  importanza determinante all’ offerta culturale e didattica che ha curato in prima persona, consapevole  che in una scuola la formazione culturale e la ricerca metodologica della didattica siano ineludibili punti di riferimento. Allo stesso tempo, consapevole del ruolo dirigenziale  e del carico di responsabilità che esso impone, ha saputo con entusiasmo, energia e determinazione inossidabili organizzare e gestire la grande famiglia del Volta, riuscendo a instaurare un dialogo incessante con genitori,  studenti, docenti e personale ATA .

La porta della “Presidenza” é stata sempre aperta per  e a tutti, segno tangibile di un desiderio di comunicazione e di contatto che ha consentito di instaurare un incessante colloquio  teso a non disperdere i valori identitari  del Volta fra i quali l'attenzione a tutti, il dialogo educativo, l'accoglienza e l'inclusione. Questo ha fatto sì che  i genitori siano stati sempre ricevuti con o senza appuntamento, dietro  una precisa richiesta o semplicemente perché avevano bisogno di essere ascoltati e rassicurati. Ma mai alla voce di un genitore  é stato consentito  di essere più forte del limite imposto dall'educazione e dal rispetto; mai nessun genitore ha potuto esprimersi in maniera poco rispettosa rispetto all'operato di  qualche insegnante o di qualche operatore della comunità scolastica perché Lei ha saputo far comprendere le ragioni della scuola e del mandato educativo affidato alla scuola,   che vanno oltre e possono almeno apparentemente non coincidere con le aspettative e le ansie dei padri,  delle madri e dei figli. In colloqui interminabili, ma necessari, per i quali il lavoro quotidiano sarebbe diventato notturno, Lei è riuscita a  far capire che il compito educativo della scuola ha finalità precise non sempre immediatamente intellegibili a tutti e che soltanto con una accettazione seria, leale e realmente condivisa del patto educativo di corresponsabilità l'alleanza educativa si sarebbe potuta realizzare . Così abbiamo visto  arrivare genitori “ imbufaliti ” allontanarsi da scuola “rabboniti” ma soprattutto collaborativi.

Con i docenti non è mai mancato un confronto serio e serrato su ogni tema che riguardasse la scuola e la società, ad personam e  attraverso le figure di riferimento  dipartimentali alle quali é stato riconosciuto un ruolo importante e determinante nell'ottica del  middle management e della collegialità partecipata . Assolutamente convinta del ruolo straordinario ma anche delicato del docente, non ha mai permesso che tale figura fosse neanche velata dai  pettegolezzi, dai risentimenti, dalle proteste di chicchessia, fossero anche alunni, genitori  e/o colleghi ;  ha sempre tenuto a spiegare  che, dietro qualunque comportamento o  atteggiamento apparentemente non comprensibile all’universo mondo, ci fosse un obiettivo  educativo e didattico  a lungo termine . Questa assoluta convinzione della dignità del lavoro di tutti e di ciascuno  le ha consentito e imposto di tutelare, sino al limite del possibile, l'operato di ogni singolo lavoratore della scuola, che essi siano stati personale ATA o docenti,  che lei ha valorizzato riuscendo a scorgere in ognuno le potenzialità umane e professionali facendole diventare risorse per la comunità.

Una perfetta sinergia si è creata con il DSGA, fidato e leale braccio destro, così come con il Consiglio di Istituto tutto.

Verso gli alunni, poi, ha riservato un affetto e un'attenzione speciali, essendo essi l'unica vera mancanza di cui sentiva il “ peso”  da quando è diventata DS, consapevole però di poterne  curare, ora,  in maniera diversa, un maggior numero. La fiducia negli studenti è stata smisurata, il dialogo sempre autorevole e mai autoritario, convinta sostenitrice del motto di Don Milani “I care”, ha sostenuto che da ognuno di loro si potesse pretendere    gradualmente il massimo, considerando eccezionale ognuno nella propria unicità. Ha  ritenuto fondamentale e prioritario trasmettere loro valori e loro, a piene mani, hanno ricambiato questo insegnamento  in termini di responsabilità, capacità organizzativa, dedizione , senso di appartenenza e  amore verso la propria scuola.

Questi otto anni sono stati impegnativi ma significativi , nella continua ricerca di identità di senso costruita attraverso  sfide importanti ma sorrette dalla   convinzione  salda che il Liceo Volta avesse tanto potenziale che non avrebbe mai , come qualcuno ha infaustamente ma falsamente profetizzato, chiuso  i battenti, perché ancora avrebbe potuto  offrire molto al suo territorio, così come è stato.

Ed ecco Lei ci ha guidato nell’avventura dell'introduzione dell'indirizzo sportivo con tutto il carico di lavoro che ne è derivato, nell'implementazione delle   scienze applicate che ha inizialmente trovato le inevitabili e comprensibili resistenze  degli “umanisti”, nell’internazionalizzazione del curriculo, nella sperimentazione del  liceo matematico, nelle prestigiose  collaborazioni tra le quali  quella con il CERN con le quali sempre è stata  suggellata  l'imprescindibilità della contaminazione dei saperi.

Voglio però in particolare ricordare la sfida vincente affrontata con la costituzione del dipartimento di sostegno, oggi numeroso e qualificato. Un paio di anni addietro, sarebbe stato  inimmaginabile in un liceo , in cui uno studente diversamente abile si pensava non potesse trovare la sua vocazione. Tale dipartimento è nato inseguendo i valori che sono peculiari del Volta e che la dirigente Palazzolo non ha tradito ma potenziato: accoglienza, inclusione, attenzione, condivisione.

Ricordo che il primo giorno in cui Lei è  arrivata io, per un mio impegno inderogabile, non ero qui ad accoglierla,   ma questo non è stato un impedimento per  cominciare insieme una bella e anche divertente avventura che ci ha portati ad essere  pronti ad accogliere nel modo migliore la nuova Dirigente con la quale innovando ma  nel solco della  tradizione, continueremo a costruire quel ponte di cui scriveva Italo Calvino ne “ Le città invisibili” e la cui immagine ci ha consegnato al suo primo collegio “ -Perché mi parli delle pietre? È solo dell'arco che mi importa -Senza pietre non c'è arco”.

È stata un'avventura e continuerà ad esserlo “perché è una promessa, ma è quel che sarà domani e sempre, sempre vivrà” ( Lucio Battisti, Un ‘avventura”)

Per la Comunità Scolastica del Liceo Scientifico Statale “ Alessandro Volta”

La Professoressa Anna Maria Borrello

VIDEO "LICEO VOLTA 2012-2020"

fin fiv2 fitet fitarco   logo Fed ginnastica italiana
           
logo Fit Logo FIJLKAM  logo fed ita pallacanestro LOGO -FIBa-300x300    
 logo-adspem web  AIL hospice logo-centaura
 avis  AIDO web